Biografia

 

16

Maurizio Micheli è nato a Livorno il 3 Febbraio 1947 ed è cresciuto a Bari. Si diploma alla scuola del Piccolo di Milano e successivamente si laurea in Lettere e Spettacolo a Bologna con Luigi Squarzina. Dopo due spettacoli al Piccolo di Milano con Patrice Chereau e uno allo stabile de l’Aquila con Aldo Trionfo, lavora in cabaret a Milano dal 1971 al 1977, dove scrive ed interpreta quindici spettacoli, fra cui una versione del “Cyrano”.

Nel 1977 partecipa al varietà televisivo “Scuola serale per aspiranti italiani” per la regia di Enzo Trapani e recita nel film “Allegro non troppo” di Bruno Bozzetto.

Nel 1978 scrive con Umberto Simonetta “Mi voleva Strehler”, il suo testo teatrale più rappresentato, il vero “cavallo di battaglia”, che vanta oltre 1000 applauditissime repliche e che è stato tradotto e rappresentato in numerose lingue.

L’anno successivo arriva la consacrazione al successo con “A tutto gag”, divertentissimo varietà televisivo che lo vede a fianco di Massimo Boldi, Daniele Formica, Sydne Rome, Gastone Pescucci, Simona Marchini. Nasce il personaggio per cui ancora oggi molti affettuosamente lo ricordano: “Nicola di Mola”, uno strampalato pugliese capitombolato per sbaglio davanti alla telecamera, e che non perde occasione per lanciare in tivù appelli strazianti alla “Brunetta dei Ricchi e Poveri” di cui è follemente innamorato.

Una scena dello spettacolo teatrale di Maurizio Micheli  "Mi voleva Strehler"

Una scena dello spettacolo teatrale di Maurizio Micheli “Mi voleva Strehler”

Dopo diverse apparizioni cinematografiche fra il finire degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80, torna in TV nel 1983 con un esilarante varietà di cui è anche l’ autore: “Chewing gum show”, parodia della emergente televisione privata troppo americaneggiante di allora. Lo spettacolo ottiene ancora un grande successo, e lo vede al fianco di Patrizia Pellegrino, Cochi Ponzoni, Mirko Setaro (dì lì a poco nei Trettré) e Ugo Frisoli. Oltre a diverse divertenti gag, Maurizio ripropone il celeberrimo personaggio di Nicola di Mola, che finalmente arriverà ad incontrare la Brunetta dei Ricchi e Poveri, alla quale (dopo anni di intense dichiarazioni d’amore in tv) riuscirà però solo a comprare un caffè macchiato!

Negli anni ’80 Micheli è impegnato su tutti i fronti: per il grande schermo recita in diverse pellicole, fra cui “I Carabbinieri” di F. Massaro, “Testa o croce” con Nino Manfredi e Renato Pozzetto, “Il Commissario Lo Gatto” con Lino Banfi, “Rimini Rimini” di S. Corbucci con Laura Antonelli (famosissima la scena dove tenta di sedurre la Antonelli cantando “Sciambagne” facendo il verso a Peppino Di Capri). Per la televisione Maurizio è protagonista in “Due di tutto”, “Studio 80″, “Al Paradise” con Oreste Lionello, “Viva le donne”, insieme ad Andrea Giordana e Amanda Lear, e “Fantastico 87/88″ con Adriano Celentano. Altrettanto prolifica è, negli stessi anni, l’ attività teatrale, con commedie come “Nudo senza meta”, “Il contrabbasso” al Festival di Spoleto con la regia di Marco Risi, “In America lo fanno da anni”.

Dagli anni ’90 Maurizio decide di concentrare la sua presenza quasi esclusivamente al teatro, il suo grande amore di sempre, collezionando una serie di grandi successi con spettacoli quali “Cantando Cantando” (1993), “Buonanotte Bettina” con Benedicta Boccoli (1994-96), “Un paio d’ali” (1996-98), “Un mandarino per Teo” (1998-2000), “Polvere di Stelle”, adattamento teatrale del celebre capolavoro di Alberto Sordi con Benedicta Boccoli, “L’anfitrione” con la regia di Michele Mirabella (2001-2002), “La presidentessa” con Sabrina Ferilli e la regia di Gigi Proietti (2005-2007), “Il letto ovale” con Barbara D’ Urso sostituita poi da Maria Laura Baccarini (2007), “Italiani si nasce e noi lo nacquimo” con Tullio Solenghi (2009-2011).

Maurizio Micheli e Tullio Solenghi

Maurizio Micheli e Tullio Solenghi in “Italiani si nasce (e noi lo nacquimo)”

Nel 1996 ha pubblicato la sua autobiografia “Sciambagne!”, raccontando, con la sua consueta vis comica, la sua carriera di attore di successo.

Nel dicembre 1999 è stato insignito dal Presidente della Repubblica Ciampi del titolo di Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Nel 2002 ha pubblicato il suo secondo libro Garibaldi amore mio”, da cui è stato tratto lo spettacolo teatrale per la stagione 2003-2004.

La prima decade del terzo millennio prosegue con la rappresentazione di numerose commedie teatrali e con il ritorno di Maurizio sul grande schermo in pellicole come “Valzer” regia di Salvatore Maira (Festival di Venezia 2007), “Un’estate al mare” (2008) di Carlo Vanzina, insieme a Gigi Proietti.

Il 2011 e 2012 vede Micheli impegnato in grandi successi di teatro quali “Il marito scornato” con Benedicta Boccoli e “Italiani si nasce (e noi lo nacquimo)”  insieme a Tullio Solenghi.

  Nel 2012 e 2013 nella rappresentazione della divertente commedia teatrale “L’apparenza inganna” con Tullio Solenghi, dove il ben collaudato duo di attori tratta temi quali omosessualità, omofobia, mobbing in un esilarante coctail di battute.

Attualmente e per tutto il 2015 è impegnato nella commedia "Signori... le patè de la maison!" tratta dalla commedia francese "Le Prenom" di Matthieu DeLaporte e Alexandre De La Patelliere, conosciuta in Italia con il titolo del film "Cena tra amici". Gli interpreti di questo fortunato spettacolo sono Sabrina Ferilli, Pino Quartullo, Massimiliano Giovanetti, Claudiafederica Petrella, Liliana Oricchio.

M.Micheli S.Ferilli P.Quartullo